collana Frecce, gli argomenti pungenti

La collana Frecce nasce per dare spazio a riflessioni e testimonianze sulla contemporaneità, ma anche sul passato, offrendo argomenti particolarmente pungenti per il dibattito sociale, culturale e politico.



Svetlana Oss                                                  
Non andateci! Il mistero del Passo Dyatlov
(Frecce; 9)
208 p., ill., 13x20,5 - ISBN 978-88-97530-86-2 - Euro 14,50 
order now

Unione Sovietica. Anno 1959. Accade qualcosa di strano su cui ci interroghiamo ancora oggi. Nove studenti universitari scompaiono durante un’escursione invernale sui monti Urali. Verranno ritrovati, in una serie di macabre circostanze, ai limiti di una brulla foresta della taiga siberiana. E mille domande alimenteranno il mistero della loro morte. Perché alcuni di loro erano quasi nudi? Perché non indossavano gli scarponi? Perché c’erano strani segni sui tronchi degli alberi vicini? Perché i rami degli alberi erano spezzati fino ad un’altezza di nove metri? Cos’era stata quella cosiddetta “forza travolgente” capace di rompere otto costole in un solo colpo senza causare contusioni? Perché i loro abiti furono sottoposti al test delle radiazioni? Perché il KGB si infiltrò nel gruppo di ricerca e fu presente ai loro funerali?... Ma soprattutto, sono morti o furono uccisi?

.


A- James Gregor                                                  
Il Fascismo. Interpretazioni e giudizi
Prefazione di Giuseppe Prezzolini, Presentazione di Alessandro Campi. A cura di Antonio Messina 
(Frecce; 8)
264 p., ill., 17x24 - ISBN 978-88-97530-75-6 - Euro 18,00 
order now

Ma che cosa è dunque il fascismo? Io sono arrivato alla conclusione che esso possa venire definito come un tipo estremo di movimento rivoluzionario di massa, che aspiri ad impegnare la totalità delle risorse umane e naturali di una comunità storica per lo sviluppo nazionale. In altre parole, se l’intenzione palese del fascismo era quella di restaurare la posizione di grande potenza dell’Italia nel mondo, esso poteva conseguire questo obiettivo soltanto attraverso finalità di tipo produttivistico e di sviluppo.
Un saggio fondamentale per la Scienza della Politica del professore emerito della Berkeley University, già pubblicato in Italia nel 1976 e nel 1997 e adesso ripubblicato nella sua terza edizione riveduta e aggiornata.

.


Debora Corbi
Ufficiale e gentildonna. Cronaca di una rivoluzione nelle Forze Armate Italiane
Prefazione di Mario Arpino2014. 148 p., 13x20,5 (Frecce; 7) - ISBN 9788897530510 - Euro 12,50 order now

«Sono passati quindici anni dall’approvazione della legge 380/99 del 29 settembre 1999 che, devo dirlo, è tra le più avanzate in materia, non precludendo alle donne alcun ruolo. È stato un fatto di cultura e di civiltà nel progresso sociale del nostro Paese. Oggi, le donne soldato sono presenti in tutte le Armi e Corpi dello Stato, e molte di esse si sono già distinte in azione nel corso delle missioni internazionali. [...] Non so quante di loro sappiano chi è il capitano Debora Corbi, dell’Aeronautica Militare, e cosa le devono. Lei da tempo è ritornata alla normalità del dovere quotidiano, ben lontana dai riflettori e dai fasti. Ma resto convinto che senza l’entusiasmo, la pazienza, a volte le intemperanze, il coraggio e lo spirito di iniziativa di Debora Corbi e di un pugno di ragazze in gamba come lei, in un ambiente come il nostro questa legge potrebbe non aver mai visto la luce. Leggete questo libro, è istruttivo e vi farà bene!» Mario Arpino

.


Vivaldo Pagni
Il carcere dei vinti (fascisti o presunti tali)
2013. 248 p., 13x20,5 (Frecce; 6) - ISBN 9788897530329 - Euro 17,50 order now

Il casuale ritrovamento di un “Registro di entrata del carcere del Comune di Pescia”, avvenuto molti anni fa, ma rivelato solo adesso, è il motivo di questa pubblicazione. Un documento del 1945-46, particolare e certamente inedito, che offre informazioni palesi su un momento storico del nostro dopoguerra e un costume politico quanto meno biasimevole, l’accanimento dei vincitori sui “vinti”. La sua pubblicazione vuole offrire lo spunto per una riflessione sociale e politica, quanto mai attuale, sugli italiani eternamente “separati in casa”.

.


Giuseppe Tuzzolo
Medio Oriente scomodo ago della bilancia. Perché tanti morti in nome della libertà?

2013. 208 p., 13x20,5 (Frecce; 5) - ISBN 9788897530244 - Euro 14,00 order now

Questo libro non ha indice e non ha note. Questo libro racconta la storia di Mario che ha visto, e non solo, l'Iraq con i suoi occhi... e anche la storia nostra. di noi che ci siamo sforzati di capire il dramma di quel Paese, e non solo, da un placido nascondiglio di un "ovattato" benessere, cercato, "osannato" ed "omaggiato", a tutti i costi, e anche le storie di un altro lembo di terra, l'Afghanistan, dove si continua a morire e a soffrire a tutte l'età, "oltre" ogni limite di ceto e/o condizione sociale. I tanti puntini sospensivi che incontrerete in questo saggio 'vogliono' significare le paure, i dubbi, le incertezze, i sensi di colpa, "gli scheletri nell'armadio", i rimorsi, i rimpianti, i limiti, le contraddizioni che ci portiamo dentro. Allora questa non è solo un'indagine giornalistica, non è solo un'analisi storica, non è solo una valutazione politica. È anche una storia personale ma emblematica di un quadro generale, ricca di umanità e intrisa di sensibilità. È una storia che racchiude una speranza... della serie... anche la popolazione martoriata del Golfo Persico ha il sacrosanto diritto di aspirare a una vita normale nei limiti dell'umanamente consentito... NON È UN ROMANZO, PURTROPPO...

.


Vivaldo Pagni
Biritiba Ussù. Indios brasiliani fra cultura tribale ed emancipazione sociale

2009. 112 p., 13x20,5 (Frecce; 4) - ISBN 9788887621853 - Euro 10,00 order now

"un romanzo a tesi sull'impossibile connubio fra due giovani provenienti da etnie, civiltà, modi di essere diversi fornisce l'occasione per far comprendere nella sua complessità il problema degli indios amazzonici e le loro esigenze, molto diverse da quelle sbandierate dalle Organizzazioni non governative che si atteggiano a loro protettrici, ma che in realtà non condividono il rigore morale delle missioni cattoliche e perorano la causa di una nazione india per garantirsi il controllo delle straordinarie risorse agricole e minerarie della regione" Enrico Nistri.

.


Alberto Majrani
Chi ha ucciso realmente i Proci? Ulisse, Nessuno, Filottete
Scoperto dopo tremila anni il protagonista nascosto dell'Odissea
Prefazione di Giulio Giorello
2008. 142 p., 13x20,5 (Frecce; 3) - ISBN 9788887621761 - Euro 12,00
order now
Disponibile anche in versione digitale su http://digital.casalini.it

Fu proprio Ulisse a compiere la strage dei Proci, oppure Telemaco si fece aiutare da qualcun altro? Chi poteva essere veramente il misterioso straniero, giunto a Itaca dopo vent’anni e che nessuno era in grado di riconoscere? Una attenta lettura dell’Odissea ci rivela la miriade di indizi lasciati da Omero per la sorprendente soluzione. Ulisse non era… Ulisse, ma il migliore degli arcieri achei: Filottete! Con questa chiave, il poema omerico assume improvvisamente una logica che nessuno prima d’ora aveva mai neanche sospettato.

.

Luciano Buricchi
Dovevate vederli. Quando i matti erano fuori...

Prefazione di Mario Ajazzi Mancini
2003. 160 p., 13x20,5 (Frecce; 2) - ISBN 8887621373 - Euro 10,00 order now

“Quando i matti erano fuori. Quando i matti di mente erano evitati quasi fossero contagiosi. All’epoca in cui i malati di mente erano rinchiusi nei manicomi, i veri malati di mente eravamo noi, ciechi all’umanità rinchiusa in quei poveri relitti d’uomo, sordi al linguaggio di quei miseri relitti della società, quei figli di un dio minore, colpevoli solo di non essere ‘normali’ come noi e che erano oggetto di trattamenti spesso inutili e disumani”.
Luciano Buricchi, infermiere professionale, ha iniziato a San Salvi nel millenovecentosettantatre la sua esperienza in psichiatria che è proseguita successivamente in strutture psichiatriche di vario tipo.Da sempre ha pensato che le vite dei matti del manicomiodovessero essere narrate perché tutti sapessero. Ha pubblicato vari racconti su stampa a diffusione locale e nazionale, finché non si è sentito pronto per scrivere il libro su ‘i matti’. Struggente, ingenuo, scritto con sincerità e trasporto.

.

Enrico Nistri
Il Villaggio Tribale. Cronache di fine Millennio

Prefazione di Gennaro Malgieri                                                                           VEDI SOMMARIO
2001. 176 p., 13x20,5 (Frecce; 1) - ISBN 8887621276 - Euro 10,33 order now

"Senza Stato. E senza neppure un briciolo d’anima. Così si presenta l’Italia al debutto del nuovo Millennio. Un Paese "tribale", appunto, nel quale sono "costrette" tutte le amarezze di un intellettuale che vive di sconforti quotidiani, raramente mitigati da lampi di ottimismo. Del resto, soltanto gli imbecilli potrebbero cullarsi tra morbide illusioni circa i destini dell’Italia. Per come è messa, non è lecito attendersi nulla dl buono: un po’ trascurata landa levantina, un po’ parente povero di un’Europa che la osserva con diffidenza e a volte con vero e proprio disgusto. Di questa Italia, castrata nelle sue aspirazioni di potenza mediterranea e ridotta a raccattare la benevolenza di chi la guarda con l’occhio del turista prodigo ed invadente, è difficile dire cosa si dovrebbe salvare". Gennaro Malgieri


collana "Frecce", gli argomenti pungenti


  • cheap jordan shoes
  • MLB jerseys wholesale
  • cheap jordan 7
  • cheap lebron soldier 9
  • nhl jerseys online